Analisi Intolleranze Alimentari - AMS Antiageing - Dott. Storti -

“Ogni uomo vorrebbe vivere piu’ a lungo possibile,
ma nessuno vorrebbe mai ammalarsi”  Jonathan Swift
Vai ai contenuti

Menu principale:

ANALISI INTOLLERANZE ALIMENTARI
 
 

I cibi non sono solo molecole chimiche , ma sono anche caratterizzati da informazioni elettromagnetiche.
Nei cibi non “manipolati” e quindi  naturali,  tali informazioni nutrono e caricano il nostro livello energetico; invece  nei cibi  “super-processati”  ( si possono ancora chiamare cibi?),  è  facile che si crei una reazione dell’organismo  ad un messaggio elettromagnetico e biochimico  anomalo  e tossico, con conseguenze che , disturbando i processi metabolici-neuroendocrini  ed  immunologici,  portano a   sintomi sia fisici che psico-emotivi ,  indotti dall’assunzione del “cibo” stesso.
A differenza dell’allergia, in cui la reazione si manifesta a breve distanza dall’assunzione del cibo incriminato ( è quindi più facilmente identificabile ), gli effetti degli alimenti intollerati,  accadono dopo giorni dall’assorbimento , in maniera subdola e difficilmente si puo’ ricondurre il sintomo all’ingestione della sostanza che lo crea.
Anzi, paradossalmente  l’intolleranza  comporta una reazione di dipendenza quasi compulsiva per cui la persona si sente spinta ad assumere quel cibo perché ha delle sensazioni di benessere dopo l’ingestione.
I cibi più frequentemente assunti potrebbero essere quelli più responsabili dei disturbi di intolleranza.
Meno facilmente si rinuncia ad un cibo, più facilmente  quello  potrebbe essere il cibo intollerato.
I sintomi di intolleranza alimentare sono moltissimi, vari e  possono investire tutti gli apparati:
dalla cute (eczema, acne, psoriasi ecc.), all’app. digerente (coliti, gastriti, ulcere,ecc.), app. osteo-artro-muscolare (osteo-artriti,malattie reumatiche,ecc.), ma anche malessere generale, meteorismo, celalea, sovrappeso, obesità,  insonnia, mancanza di concentrazione  e memoria, fino all’ansia, depressione , attacchi di panico.
Con il test diagnostico di tipo bioenergetico (elettroagopuntura di Voll e/o test di biorisonanza con il tensore Birec) si può ottenere l’individuazione di tali sostanze e anche l’annullamento delle informazioni elettromagnetiche disturbanti utilizzando il protocollo BICOM ed eseguendo una terapia di biorisonanza adeguata. Al contempo , deve anche essere sospeso dalla dieta , l’alimento o gli alimenti non tollerati per favorire la terapia di regolazione biologica.
Il risultato sarà la risoluzione dei disturbi che i cibi intollerati provocavano ed una maggiore libertà nella possibilità di poterli eventualmente reintrodurre nella dieta  e con modalità più compatibili al benessere riguardo la quantità , la qualità (freschezza e biologicità), la frequenza e  l’ora di assunzione (cronodieta) e la combinazione con altri alimenti. 

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu